domenica 28 febbraio 2016

Torta alle mele ed uvetta.

Ingredienti:
250 gr farina 00
2 uova
100 gr zucchero
100 gr burro
un pizzico di sale fino
latte p.s.
mezza mela
uvetta
una bustina di lievito per dolci.

Procedimento.
Separare i due tuorli dagli albumi e montare questi ultimi con un pizzico di sale fino; unire ai tuorli lo zucchero e il burro. Poi la farina.
Mescolare con un cucchiaio in legno in senso orario aiutandosi col latte parzialmente scremato per ottenere la giusta consistenza. Aggiungere la mezza mela triturata e l'uvetta (lasciata ammorbidire nell'acqua), gli albumi montati a neve e il lievito per dolci.
Versare il composto in una tortiera e infornare a 180 gradi per 35 minuti circa.
Fate la prova con lo stuzzichino per verificarne la cottura.
Il convento della Chiesa di San Lorenzo augura buon appetito aspettandoVi per la prossima ricetta!!

Coco Chanel.

"Non è il tessuto che conta, ma l'idea!" (Coco Chanel)

I jeans furono inventati dai genovesi!

Sapevate che:

143 anni fa, il brevetto per i celebri pantaloni da minatore. Levi Strauss li aveva ricavati da un telone da carro, ma l’dea originale spetta ai genovesi

L’idea di Strauss in realtà non era nuova: qualche decennio prima ci avevano già pensato gli ingegnosi marinai di Genova a fare lo stesso con un telo bluastro (forse proprio il denim o forse del fustagno italiano) usato per le vele delle navi. Ma l’inventiva del popolo italiano non andò comunque persa, e una traccia ne rimase almeno nel nome dei pantaloni da lavoro di Strauss: blues Jeans, dove il primo termine si riferisce ovviamente al colore, e Jeans sta per Genes, con cui allora ci si riferiva ai genovesi.

#curiosità #cennistorici #vintageecultura #denim #jeans #vivivintage #peschiera2016
Peschiera del Garda vi aspetta il 19/20 marzo 2016 al Vivi Vintage!

Domenica!

"Domenica! Il dì che a mattina/ sorride e sospira al tramonto!"
Giovanni Pascoli.

Le agromafie.

https://spazioeconomia.wordpress.com/2016/02/19/agromafie-un-altro-aspetto-della-criminalita/

Risotto al radicchio e pancetta.

Una variante del risotto al radicchio rosso veronese, ho aggiunto a contrasto il sapore dolce  della pancetta a cubetti e la nota gialla del curry, ho reso cremoso a cottura ultimata con formaggio cremoso e due sottilette.

Ingredienti:
risotto
cipolla
olio
20 gr burro
pancetta dolce a cubetti
radicchio rosso
vino bianco
curry
dado granulare vegetale
acqua.

Procedimento.
In una padella antiaderente e dai bordi alti far soffriggere il risotto in olio e burro con la cipolla triturata, aggiungere la pancetta a dadini e il radicchio rosso. Sfumare col vino bianco. Coprire poi di acqua la padella unendo il dado granulare vegetale e il curry.
Far cuocere  a fuoco medio-basso per 20 minuti circa.
Per renderlo cremoso ho aggiunto del formaggio cremoso e due sottilette a cottura ultimata.
Il convento della Chiesa di San Lorenzo augura buon appetito aspettandoVi per la prossima ricetta!!

Ali di tacchino in umido.

Ingredienti:
ali di tacchino
olio
carote
piselli finissimi in scatola
cipolla
vino bianco
acqua.

Procedimento.
In una padella grande, antiaderente e dai bordi alti far rosolare le ali di pollo e intanto lavare, pulire e tagliare a dadini le carote e unirle alla carne insieme alla cipolla tritata e ai piselli finissimi in scatola.
Bagnare con abbondante vino bianco e acqua proseguendo la cottura lentamente.
Il convento della Chiesa di San Lorenzo augura buon appetito aspettandoVi per la prossima ricetta!

Pizza time!

Ingredienti:
300gr farina 0
4 gr lievito secco di birra
olio
acqua
sale fino
zucchero
aceto bianco.
Per farcire:
polpa di pomodoro
sale fino
olio.

Impastare la farina 0 con acqua, olio, un pizzico di aceto bianco, sale fino e lievito secco di birra disciolto in un bicchiere di acqua tiepida con mezzo cucchiaio  raso da te di zucchero.
Lavorare l'impasto a mano per una ventina di minuti o, se l'avete, fatelo impastare dalla macchina del pane.
Poi adagiatelo in un recipiente da forno e fatelo levitare in forno spento ma preriscaldato a 50 gradi per almeno 10 minuti. A me è lievitato già in due ore e ho atteso ancora due ore per stendere l'impasto su una teglia rotonda da forno.
Per la farcitura ho triturato la polpa di pomodoro unendo sale fino e olio.
Procedete secondo i Vostri gusti con gli ingredienti ricordando di aggiungere taluni ingredienti, tipo il prosciutto cotto e la mozzarella, a fine cottura.
E, se Vi piace più sottile, utilizzate 100/150 gr di farina 0 e il lievito secco di birra in proporzione.
Potete anche mischiare diversi tipi di farine adatte a pane/pizza!
Infornate a 180 gradi per 20 minuti circa.
Il convento della Chiesa di San Lorenzo augura buon appetito aspettandoVi per la prossima ricetta!!

sabato 27 febbraio 2016

L'importanza della memoria.

https://miriammessina.wordpress.com/2016/02/21/lettera-di-umberto-eco-al-suo-nipotino/

Fusilli gustosi.

Un piatto nutriente dal sapore deciso, che può essere interpretato anche come piatto unico.
L'uso delle spezie evita l'utilizzo del sale fino.

Ingredienti:
fusilli
sale grosso
polpa di pomodoro
carne in gelatina
paprika forte
aglio
olio.

Procedimento.
Fate cuocere i fusilli dopo aver portato ad ebollizione l'acqua ed averla salata con una manciata di sale grosso.
Intanto in una padella antiaderente e dai bordi un po' alti preparate il gustoso sughetto con polpa di pomodoro, due spicchi di aglio, olio, carne in gelatina e paprika forte.
Aiutatevi con l'acqua di cottura per la pasta e fate cuocere a fiamma medio-bassa  con pazienza.
Condite i fusilli col sughetto!
Il convento della Chiesa di San Lorenzo augura buon appetito aspettandoVi per la prossima ricetta!!!

Van Gogh e Gauguin insieme in foto a Parigi nel febbraio 1888!

Arte: studioso italiano individua foto di van Gogh da adulto
http://www.adnkronos.com/cultura/2016/02/26/studioso-italiano-individua-foto-van-gogh-adulto_ZnlYRwokj6gLZPXwl1kaEI.html?refresh_ce

Le gallerie d'arte a Verona!

http://www.veronasera.it/speciale/blog/13-gallerie-arte-verona.html

sabato 20 febbraio 2016

Mostra a Ravenna: il Novecento che si ispira al passato.

http://www.corriere.it/foto-gallery/cultura/speciali/2015/corriere-eventi//16_febbraio_20/cosi-novecento-guardo-all-antico-c82d05f6-d7f4-11e5-afdf-d68b3faa1595.shtml

Il ritorno del quagga.

http://www.repubblica.it/viaggi/2016/02/19/news/il_ritorno_del_quagga_la_zebra_estinta_da_100_anni-133768509/?ref=fbpr#gallery-slider=133759167

giovedì 18 febbraio 2016

Specialità di Canale!

Un piatto ruspante e casereccio con toma non stagionata e salame di Canale, una ridente città di origine medioevale fondata dal Comune di Asti  e dalla caratteristica forma concentrica.
Dopo essersi dedicata alla coltivazione del pesco (in seguito alla fillossera) dai primi del Novecento, Canale ha di nuovo orientato la sua attività  al vitigno di Arneis.

Ingredienti.
Per la frittata:
un uovo a testa
latte p.s.
sale fino
zucchina

formaggio grattugiato;

toma di Canale
salame di Canale.

Procedimento.

Preparate la frittata con gli ingredienti sopra indicati e cuocetela in forno, così sarà più soffice e leggera, a 180 gradi per 20 minuti circa.

Nel frattempo tagliate a spicchi la toma e affettate il salame.

Il convento della Chiesa di San Lorenzo augura buon appetito aspettandoVi per la prossima ricetta!!!

Il Barocco a Genova: mostra al palazzo della meridiana.

http://www.genova24.it/2016/02/il-barocco-dei-collezionisti-genovesi-in-mostra-al-palazzo-della-meridiana-103735/